Cessione Milan, la Curva Sud replica a Berlusconi

Cessione Milan, la Curva Sud replica a Berlusconi

Il Presidente rossonero annuncia la cessione del Milan e la Curva Sud di Milano risponde attraverso un comunicato ufficiale

 

MILANO – Per la prima volta da quando è iniziata la trattativa di cessione del controllo del Milan alla cordata cinese, Silvio Berlusconi conferma la futura vendita del club:«Ho scelto di consegnare il Milan a chi è disposto a renderlo di nuovo protagonista in Italia, in Europa e nel mondo. Ho rinunciato ad ogni pretesa di prezzo ma ho chiesto che il nuovo gruppo versi nel Milan almeno 400 milioni di euro sul mercato nei prossimi due anni. Parliamo di un gruppo importante a partecipazione statale». Tempestiva e perentoria è stata la reazione della Curva sud che ha commentato la notizia attraverso un comunicato:

“E’ di queste ore la notizia della conferma dell’avvio alla cessione del Milan da parte del Presidente Berlusconi, questa news ha creato in noi una serie di interrogativi e di riflessioni molto importanti. Partiamo dal presupposto che nessuno ha dimenticato quanto di bello abbiamo vissuto in questi anni grazie alla gestione impeccabile di una presidenza, presente e costantemente entusiasta, ma gli ultimi anni ci hanno davvero portati all’esasperazione e hanno portato gran parte del popolo rossonero, non noi sia chiaro, a disinnamorarsi dei colori e del Milan.

L’emblema del decadimento è vedere uno stadio sempre più desolatamente vuoto se non nel nostro settore. Siamo certi che la mala gestione societaria da parte di Galliani abbia la colpevole complicità del nostro Presidente che ha lentamente e inesorabilmente lasciato sempre più potere in mano a questa persona che non ha evidentemente fatto il bene del Milan. Ci sembra assurdo però che nessuno delle persone a lui vicine abbiano mai fatto pressione al fine di ripulire quello che era il gioiello più luccicante della famiglia Berlusconi, quello che era il simbolo di una famiglia vincente, in salute e sempre pronta a tagliare nuovi traguardi.

Non riusciamo a capire nemmeno se la cessione della società a dei fantomatici cinesi, di cui nemmeno si conoscono le identità, possa ridare lustro al Milan, che nel frattempo somiglia sempre più a quello che erano le altre realtà, con continui cambi di panchina e giocatori di medio livello. Quanto di vero può esserci nelle stratosferiche cifre per il mercato di cui sentiamo parlare? Rischieremmo forse che vadano ad alimentare ulteriormente il circolo vizioso dei procuratori ed amici del signor Galliani come avvenuto negli ultimi anni? Come si può essere tranquilli sulla sana gestione della società, se i presupposti sono legati alla presenza per almeno un triennio di Galliani che dopo avere letteralmente buttato 100 milioni nell’ultimo mercato è riuscito nell’intento di riciclarsi anche questa volta?

Ci verrebbe naturale chiedere la cessione in questo momento, ma ci spaventa finire in mano a qualcuno che veda il Milan come un giocattolo che una volta che non piace più venga abbandonato con il rischio reale di vederlo sparire. Siamo anche però stufi della mediocrità degli ultimi anni e di vedere lottare la squadra per posizioni di secondaria importanza.Insomma, siamo a un bivio, vedere il Milan passare di mano e sperare in un futuro radioso in mano a dei proprietari al momento sconosciuti, o sperare nella famiglia Berlusconi?Parliamo di famiglia Berlusconi perché ci sembra quanto meno doveroso puntualizzare che ora toccherebbe a tutti i figli prendere in mano le redini della società insieme al padre e rinnovarla, mettendo fondi, cambiando i personaggi che come Galliani hanno fatto il male del Milan e, investendo su progetti futuri, perché anche in Italia abbiamo visto che lavorando bene si può costruire squadre vincenti nel giro di pochi anni. Non capiamo come dei figli possano completamente disinteressarsi del più grande amore del padre, quello che ha dato lui grandi soddisfazioni e popolarità, spingendolo a 80 anni a cedere la società, invece di aiutarlo e sostenerlo e proporsi loro per primi alla successione della guida della società.

Ci chiediamo quale possa essere il bene in questo momento, e ce lo chiediamo perché consapevoli del fatto che il Presidente, per quanto abbia molte colpe, ha sempre amato il Milan, mentre chi potrebbe subentrare sarebbe persona non legata al mondo Milan, e potrebbe rappresentare sia l’inizio di una rinascita, che la fine di quel sogno che il nostro presidente ha alimentato per 30 anni non trattando il Milan come una qualsiasi delle sue aziende ma come un affare di cuore.

Comunque vadano le cose la base è ripartire da zero, eliminando il marcio interno alla società e mettendo entusiasmo in quella che fino a pochi anni fa era riconosciuta nel mondo come la società numero uno, quella vincente, quella da cui prendere spunto per diventare grandi, oltre che essere quella che rispediva al mittente i giocatori viziati e che non sputavano sangue per quella maglia.Chiariamo sin d’ora che se dovesse avvenire il passaggio di consegne, la presenza del signor Galliani in un ruolo, anche solo di gestione sportiva, sarebbe motivo di malcontento e auspichiamo un’attenta analisi delle scelte da parte degli eventuali nuovi acquirenti.

Questo per partire con il piede giusto e dimostrare quel reale cambiamento di cui il Milan necessita quanto prima.”

CON IL MILAN NEL CUORE

CURVA SUD MILANO

Ma intanto si sblocca il mercato del Milan: il top player del PSG in rossonero

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy