CASO PANAMA PAPERS – Spunta anche il nome di Galliani

CASO PANAMA PAPERS – Spunta anche il nome di Galliani

Secondo quanto riferisce il settimanale ‘L’Espresso’, nel caso sarebbe implicato l’ad del Milan, nonché società riconducibili a Berlusconi

MILANO – Non si placa il caso Panama Papers. Domani L’Espresso pubblicherà una seconda lista di italiani con soldi offshore: tra questi c’è anche l’ad rossonero Adriano Galliani. Inoltre, nell’inchiesta si parla di “società riconducibili a Silvio Berlusconi e Flavio Briatore“. Attraverso documenti riservati dello studio Mossack Fonseca, il settimanale riferisce che nel lungo elenco è presente anche la Sport Image international delle Isole Vergini britanniche, appartenente alla galassia di Silvio Berlusconi.

DETTAGLI – Una ventina di anni fa questa società era finita al centro di un’indagine giudiziaria per i pagamenti in nero nei confronti di alcuni calciatori del Milan, da Ruud Gullit e Marco Van Basten. “Come amministratori della Sport Image – scrive il caporedattore Vittorio Malagutti – sono indicati Adriano Galliani e altri due manager a quell’epoca targati Fininvest: Giancarlo Foscale e Livio Gironi. Struie invece, è una cassaforte, anche questa creata da Mossack Fonseca, di cui si sono serviti sia il leader di Forza Italia sia Flavio Briatore (benché i loro nomi non compaiano direttamente nelle carte panamensi). A metterla a loro disposizione fu l’avvocato britannico David Mills, creatore del sistema offshore da 775 milioni di euro per conto del capo della Fininvest“.

ilmilanista.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy