Bruno Longhi: “Milan: tieni botta e non mollare”

Bruno Longhi: “Milan: tieni botta e non mollare”

Le parole del giornalista di PremiumSport a MilanNews.it

di Redazione Il Milanista

MILANO – Bruno Longhi, storico giornalista di Premium Sport, ha parlato in esclusiva a MilanNews.it.

 

CALO FISICO O MENTALE?: “Non è facile rispondere a questa domanda. A Torino contro la Juventus, il Milan non meritava di perdere, ha fatto una grande partita. Nel derby, l’ho visto in calo, mi aspettavo di più dai rossoneri, anche se non è facile capire dove iniziano i meriti dell’Inter ed iniziano i demeriti del Milan. Domenica, al di là di tutto, ha costretto il Sassuolo alle barricate e ha creato tante occasioni. Quindi, un calo fisico non credo ci sia stato perché altrimenti non arriveresti nemmeno in area. Per quanto riguarda un eventuale calo mentale, è difficile dire fino a dove arriva: la mente ti fa sbagliare i passaggi, ti porta ad essere poco concentrato, ma sinceramente queste cose non le ho viste domenica. A mio parere, non credo sia né un calo fisico, né mentale. Il problema è che si giudica il momento di una squadra dai risultati e non dalle prestazioni”.

 

SUL NAPOLI: “E’ una partita in cui il Milan può farcela, ma penso che il Napoli sia favorito. La formazione di Sarri deve cercare di tenere il passo della Juventus. Per controbattere una squadra come il Napoli servirà una grande partita sia a livello fisico che mentale. Per battere il Napoli, non servirà un bel Milan, ma un grande Milan”.

 

SENZA BONUCCI-ROMAGNOLI: “Domenica potrebbe giocare Milik dal primo minuto e quindi con lui il Napoli potrà alternare il solito palleggio a qualche lancio lungo per sfruttare le abilità aeree del centravanti polacco. Bonucci e Romagnoli sono una coppia affiatata, una coppia da Nazionale. Al netto di eventuali distrazioni, Musacchio e Zapata il loro lo fanno comunque benissimo”.

 

SULL’EUROPA: “Guardare il calendario può voler dire tutto e niente, dipende sempre dal momento. La mia unica perplessità sul Milan è che dopo che fai un lungo inseguimento e incappi in una piccolo passo falso rischi di deprimerti un po’. Il Milan deve tenere botta e non mollare. Io poi non escluderei del tutto il Milan dalla lotta alla Champions, anche se la speranza è minima: domenica la Lazio ha vinto grazie alla papera del portiere, Inter e Roma hanno perso, quindi la disavventura è per tutti dietro l’angolo”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy