Brocchi: “Milan? Molti non mi hanno voluto capire”

Brocchi: “Milan? Molti non mi hanno voluto capire”

L’ex tecnico: “Ma il Milan per me è una famiglia, preferisco non parlarne”

MILANO – Cristian Brocchi, ex tecnico del Milan, ha parlato del suo passato in rossonero alla Gazzetta dello Sport: “Milan? Dissi che molti non mi hanno voluto capire. Ma il Milan per me è una famiglia, preferisco non parlarne. L’allenatore è quello che ha le maggiori responsabilità, che paga per primo se le cose vanno male. È la persona che dà alla squadra identità e carattere. Quando si è costretti a smettere per un infortunio e non per scelta è dura da digerire. Per fortuna, a me è stato chiesto di allenare nel settore giovanile del Milan, mi è piaciuto subito e le persone che mi stavano accanto vedevano in me potenzialità di crescita. Io ho un mio credo, idee frutto dello studio e dell’esperienza di calciatore. Ho cercato di prendere il meglio da ciascun tecnico che ho avuto, ma anche cose che non mi piacevano e che ora cerco di non ripetere. Ne ho avuti di bravi, da Ancelotti a Reja, ma dico Prandelli. Mi ha insegnato calcio, mi ha trasmesso tanto dal punto di vista tattico e morale, nel preparare la partita e curare i dettagli. Oggi mi rivedo in lui”. Intanto i cinesi preparano il colpaggio per tornare grandi…

LEGGI ANCHE BIGLIA E RODRIGO CAIO NEL MIRINO

LEGGI ANCHE IL NUOVO DS DEL MILAN

LEGGI ANCHE UFFICIALE GANDINI LASCIA IL MILAN

LEGGI ANCHE LE SCELTE DI MONTELLA 

Ilmilanista.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy