Bonaventura geniale beffa il Pescara e il Milan si gode il terzo posto

Bonaventura geniale beffa il Pescara e il Milan si gode il terzo posto

Il Milan operaio porta a casa la vittoria e ora la Roma è solo a un punto

Di Francesco Maiocchi

MILANO – Brutto inizio di gara quelli dei rossoneri contro il Pescara di Massimo Oddo. Gli abruzzesi partono fortisimi, si chiudono bene e pressano alto il Milan. I rossoneri non riescono a giocare palla a terra e spesso sono costretti al lancio lungo senza successo. Bonaventura è l’unico che riesce ad alzare il baricentro, ma Niang e Suso non riescono a dare lo strappo necessario. In fase offensiva è De Sciglio a farsi vedere lasciando Abate nei tre di difesa.

Suso accende la luce: Niang appare opaco, complice ovviamente l’attacco febbrile che lo ha colpito in questi giorni. E’ Suso che alla mezz’ora inizia a far vedere le sue qualità e con lui cresce anche il Milan. Sull’asse di destra i rossoneri iniziano a rendersi pericolosi e Bacca, servito proprio dallo spagnolo, sfiora la rete del vantaggio. Il copione si ripete negli ultimi minuti di frazione con Niang che colpisce il palo.

La ripresa: Il Milan parte subito forte e Bonaventura beffa dopo 4 minuti il Pescara. Il numero 5 rossonero su punizione calcia sotto la barriera e trova il vantaggio. Dopo nemmeno un minuto è il Pescara a segnare, ma l’arbitro non convalida la rete per fuorigioco. Il match è concitato e Bacca colpisce nuovamente il palo sulla ripartenza. Il Pescara sfiora il pari con Aquilani, che però si fa male e lascia il campo in barella. Dopo poco Montella concede un po’ di riposo a Niang, al suo posto entra Pasalic che debutta in rossonero. Bonaventura diventa così l’esterno di sinistra. Il Pescara cresce, ma Donnarumma salva il risultato sul tiro nel sette di Memushaj.

Gestione: La gara pian piano diventa avida d’emozioni. Il Milan pensa a gestire e il Pescara fatica a incidere in fase offensiva. I rossoneri giocano molto sulle ripartenze mentre gli abruzzesi cercano di costringere il Milan nella propria metà campo. Il gol degli ospiti arriva, anche se in netto fuorigioco e l’arbitro giustamente annulla la rete. E’ dell’ex Cristante l’azione pericolosa. Il Milan sa soffrire nei minuti finali, ma il fortino regge. Unica nota negativa è la scenata di Bacca al momento della sostituzione. 3 punti d’oro e terzo posto in cassaforte. La Roma ora è solo ad un punto. Intanto Galliani dice no ai cinesi…

LEGGI ANCHE MILAN TI SOFFIANO GLI OBIETTIVI DI MERCATO

LEGGI ANCHE HONDA E’ ADDIO

LEGGI ANCHE L’AGENTE DI LAPADULA

IlMilanista.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy