Ambrosini: “Montella mi ha colpito! Milan cinese? Dovrà essere all’altezza dela storia.”

Ambrosini: “Montella mi ha colpito! Milan cinese? Dovrà essere all’altezza dela storia.”

Le parole dell’ex rossonero sulla svolta del club

MILANO – Continuano le parole di stima per Vincenzo Montella da parte di giornalisti, dirigenti ed ex calciatoi. Nell’intervista di Tuttosport, Massimo Ambrosini si unisce al coro e dice le sue opinioni sul cambio di dirigenza: “Mi aspetto che la nuova proprietà si sieda a un tavolo con Vincenzo per affrontare le strategie e soprattutto parli con lui del prolungamento di contratto che scadrà nel 2018. Ha ridato autostima a un gruppo che veniva da momenti difficili. Inoltre, non va dimenticato, viene da due sessioni di mercato in cui non ha ricevuto nulla di quello che avrebbe probabilmente voluto. Di Montella mi ha colpito la voglia di andare a imporre le proprie idee ovunque, di giocare senza farsi intimorire dall’avversario.” Sull’addio di Berlusconi e la nuova cordata cinese: “L’addio di Berlusconi è una sensazione molto strana, anche se abbiamo avuto un discreto tempo per abituarci. Però penso soprattutto a Galliani, non riesco a immaginare cosa gli passerà nella testa durante la partita. Cosa auguro al nuovo Milan cinese? Che le persone scelte siano all’altezza della storia del club”. Infine sulla rosa e i singoli: “E’ impensabile che questa rosa possa lottare per la Champions. Locatelli? Ha avuto la fortuna di giocare alla grande le sue prime due partite, ma non è facile ritrovarsi a 18 anni titolare nel Milan ed è illogico chiedergli di prendere le redini del gioco con prestazioni continue di alto livello. Se dovesse sedersi in panchina per due gare, non morirebbe nessuno.”.  

SCOPRI TUTTE LE NOTIZIE SUL MILAN

DALLA CINA: BERLUSCONI HA GIA’ VENDUTO IL MILAN

ECCO IL RITORNO DI BACCA

LEHMANN SU SANCHEZ: “E’ RIMPIAZZABILE!”

LEGGI ANCHE SHEVA: “ALLENATORE DEL MILAN? VEDREMO”

IlMilanista.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy