Al Milan girano i 5 minuti, ma non basta per i 3 punti

Al Milan girano i 5 minuti, ma non basta per i 3 punti

I rossoneri sotto di due gol trovano il pari per poi spegnersi

MILANO – Comincia in maniera compassata la partita del Milan. Il Torino fin da subito parte forte pressando alto i rossoneri che faticano a trovare il passaggio di prima. Tante le imprecisioni e i granata ringraziano per i tanti palloni persi. Mihajlovic riutilizza il copione visto in Coppa Italia con l’intenzione di sfruttare i movimenti di Belotti. Il Gallo si fa trovare pronto e impegna Donnarumma in più di un’occasione.

Luce spenta – Non è cambiato di molto il modo di vedere le partite del tecnico serbo rispetto a quando sedeva sulla panchina rossonera. Il Milan prova a pungere sulle fasce, ma i granata si chiudono in maniera rapida pronti per il contropiede. Per i rossoneri è Pasalic a mostrare qualcosa in più con i suoi inserimenti. Chiusi invece Suso e Locatelli a cui Mihajlovic ha riservato un trattamento speciale. Il vantaggio lo trova proprio il Toro, messo meglio in campo nel primo tempo, grazia al solito Belotti che sfrutta un rimpallo in mezzo all’area. Passano pochi minuti e la difesa rossonera si dimostra sempre più in difficoltà. Iago Falque e Belotti creano scompiglio, ma è Benassi a trovare la rete del raddoppio. Il Milan rimane in partita solo grazie a Donnarumma che para un rigore a Ljajic. Il Milan avrebbe anche l’occasione per riaprila prima dell’intervallo, ma Tagliavento non vede un clamoroso rigore su Bonaventura.

La ripresa – Il Milan finalmente decide di scendere in campo e dopo dieci minuti di dominio trova il gol del 2-1 con Bertolacci. Gol fantasma che questa volta Tagliavento assegna ai rossoneri. Il Milan è in partita e al 15esimo trova il pareggio con Bacca su calcio di rigore. Partita riapertissima.

Toro ancora vivo – Mihajlovic non vuole il pari e inserisce Iturbe al posto di Obi. Cambio decisivo perché rende i granata di nuovo pericolosi, ma allo stesso tempo apre spazi per i rossoneri che però non riescono più a creare dopo aver trovato il pari. Montella corre ai ripari e inserisce Kucka per Bertolacci.

Il finale – Montella ci prova e leva Bonaventura a favore di Niang. Il francese però non da lo strappo sperato e anzi il Milan rischia anche qualcosina nel finale dopo che Romagnoli si fa espellere. Rossoneri che giocano solo 10 minuti, basta per il pari, ma non di certo per la Champions. Intanto il Milan punta Insigne...

SCOPRI TUTTE LE NOTIZIE SUL MILAN

LEGGI ANCHE SOSA DICE NO AL FENERBAHCE

LEGGI ANCHE NIANG VA ALL’ARSENAL

IlMilanista.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy